Prima di andare via…
Registrati e segui i nostri suggerimenti di libri a prezzi scontati
sulla base dei tuoi gusti letterari.
Nessun obbligo di acquisto · Disiscriviti quando vuoi

Recensione “Patto cerbiatto”


Trama

Il protagonista di questo romanzo è un giornalista genovese sulla cinquantina, già vincitore di un premio Pulitzer per le sue inchieste di guerra, ma ormai stanco della vita e di tutto quello che lo circonda. Vive a Genova in compagnia di un gatto e si è da tempo rifugiato in una bolla alcolica per smettere di pensare. Sdentix, soprannome affibbiato al suo capo di redazione, gli affida un compito molto arduo da portare a termine, pena il licenziamento: dovrà intervistare Ginevra Astanti, una vecchia signora schiva che, si dice, viva tra le montagne del Basso Piemonte attorniata da cerbiatti. È così che il nostro protagonista parte controvoglia alla volta del paesino di Garessio. Abbandonerà ogni sua certezza per entrare in una favola, riuscirà quel mondo meraviglioso a sciogliere la corazza che si è costruito nel corso degli anni?


Perché leggere questo libro?

  • È una storia magica che parla di amicizia, di amore verso gli animali, di fedeltà e di rispetto reciproco
  • È una giostra di emozioni, sa far commuovere e al tempo stesso divertire
  • Ci ricorda che, a volte, gli incontri più inaspettati possono essere forieri di un cambiamento capace di stravolgere in positivo le nostre vite
  • C’è una favola che aspetta ciascuno di noi, basta non smettere mai di cercarla

«I cerbiatti quando scelgono stringono dei patti, come di sangue fra gli individui del gruppo/famiglia. Sono esseri estremamente leali, che danno la vita per i loro cari. Sono limpidi e sinceri. Monogami. La famiglia per loro è tutto ed è per sempre».

Mi guardò serio, Edoardo, dopo avermi detto queste parole. «Ti senti pronta a prendere un impegno con lei per la vita?».

«Sì», risposi sicura e fiera di me. Quel sì, semplice e completo, mi esplose nel petto.

Raffaella Verga


Recensione completa

“Patto cerbiatto” è un romanzo che mi ha piacevolmente sorpresa per diversi aspetti che lo caratterizzano. Innanzitutto mi hanno letteralmente catturata i vari personaggi di cui ho fatto la conoscenza nel corso della narrazione. Tutti, nessuno escluso, sono stati costruiti dall’autrice in maniera impeccabile. Ciascuno di essi, infatti, possiede caratteristiche proprie che lo rendono unico e facilmente identificabile. Sono persone tridimensionali, molto realistiche, con le quali si entra fin da subito in empatia.

Il protagonista principale è surreale, iperbolico, estremamente divertente, cinico quanto basta per entrare nelle grazie di noi lettori. Di lui ho amato la sua crescita personale nel corso della storia, il suo rivelarsi un uomo profondo e buono che è solo forzato dagli eventi ad agire in una certa maniera perché la vita lo ha scottato troppe volte. La scelta di Raffaella Verga di non farci sapere l’identità del giornalista fino alla fine, poi, è significativa. Un nome e un cognome, in fondo, non sono rilevanti ai fini della trama, poiché chiunque di noi potrebbe essere lui, una persona disillusa che non si aspetta più di ricevere nulla dal presente.

Un altro aspetto rilevante di “Patto cerbiatto” è la montagna russa di emozioni di cui è intrisa la trama. Ho riso a crepapelle di fronte ai goffi tentativi del giornalista di evitare di dire parolacce a causa di un fioretto fatto per salvare un amico malato, eppure al contempo mi sono anche commossa di fronte alla bellezza della natura e dei suoi abitanti. Man mano che si entra in punta di piedi nella baita di Ginevra, infatti, la narrazione assume il sapore della favola. E come ogni fiaba che si rispetti, i nostri amati protagonisti saranno chiamati a fare i conti con il cattivo di turno.

Mi ha colpita la parabola evolutiva del protagonista che, in un gioco di specchi con Ginevra, così diversa ora, ma un tempo molto simile a lui, uscirà da questa avventura fortemente cambiato. Un uomo nuovo, o più semplicemente, il ritorno di ciò che lui è sempre stato.

La lettura del romanzo è molto scorrevole, l’attenzione è tenuta sempre alta dai diversi accadimenti che si succedono nei capitoli e la curiosità di scoprire cosa succederà nelle pagine successive è forte. L’autrice è ricorsa all’uso di metafore davvero originali, e ci parla, con estrema sensibilità, attraverso un linguaggio semplice. Il suo stile è vivace, fresco e moderno e le frasi si rincorrono in armonia una dietro l’altra, dando ritmo alla narrazione.

Sono ben dosati anche i momenti di leggerezza e quelli di profondità, la dura realtà e il mondo magico, mentre un forte sentimento di speranza e di ottimismo ci resterà incollato addosso quando chiuderemo l’ultima pagina del libro.
“Patto cerbiatto” è una favola moderna per adulti, che sa intrattenere e far riflettere, una storia che tutti, prima o poi, dovremmo leggere.


L’autrice

Raffaella Verga vive a Loano con il marito Giorgio, due gatti Isotta e Teodoro, e un gabbiano “adottato”. Ha una laurea in Lettere Moderne e una in Psicologia. È una corporate coach. Per lavoro si occupa di formazione psicologica e comportamentale per aziende e privati. La scrittura la contraddistingue fin da bambina. Ama definirsi una scrittrice cristiana che ama Dio, e raccontare di Lui nelle sue storie. Le piace cucinare, pedalare e giocare. Si ritiene un’irriducibile innamorata dell’Amore, di tutti gli animali e del creato. “Patto cerbiatto” è il suo nono romanzo ed è una eco-storia dalla parte dei cerbiatti e della loro salvaguardia. Con i suoi romanzi ha vinto numerosi premi fra cui la segnalazione della critica al Viareggio Carnevale nel 2008 e il Premio Pannunzio nel 2013 con “L’effetto domino”.


Sei un lettore forte?

Segui i nostri suggerimenti di libri a prezzi scontati sulla base dei tuoi gusti letterari.


2 responses to “Recensione “Patto cerbiatto””

  1. Rita Avatar
    Rita

    Bene raffaella carissima come sempre non vedo l’ora di leggerlo . I valori che ogni tuo romanzo tramanda dovrebbero essere d’insegnamento e questo in particolare che gli animali si comportano meglio degli esseri umani e spesso ne sono vittime grazie amica mia 💙💙💙

  2. Mara Alberti Avatar
    Mara Alberti

    Ho letto ” Patto Cerbiatto ” con un coinvolgimento totale, anche se iniziato per curiosità dopo aver letto ed ascoltato la recensione.
    Sapevo di avere altri impegni che mi aspettavano ma pagina dopo pagina sono rimasta ” incollata ” alla lettura.
    Ho pianto, ho riso, ho rispolverato nozioni remote, ho gioito ma mi sono anche preoccupata ed ho vissuto ore in simbiosi con i vari personaggi dei quali ero diventata amica e per loro ho tifato contro quei personaggi negativi che inevitabilmente troviamo sul nostro cammino.
    Non voglio rubare la gioia di scoprire trama e significati con anticipazioni e mie emozioni, consiglio di leggere ” Cuore di lupo” certa di dare un valido consiglio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Prima di andare via…
Registrati e segui i nostri suggerimenti di libri a prezzi scontati
sulla base dei tuoi gusti letterari.
Nessun obbligo di acquisto · Disiscriviti quando vuoi